header photo
ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Un seminario sulla storia della Fotografia al Musinf di Senigallia

Camera

Camera

Il Museo comunale d’Arte Moderna, dell’Informazione e della Fotografia di Senigallia ospita a partire da martedì 28 settembre, per 6 incontri: “La storia della Fotografia. Seminario teorico e pratico di approfondimento sulla storia della straordinaria invenzione”.
Gli incontri, curati da Simona Guerra, giovane storica della fotografia e archivista da più di dieci anni impegnata in progetti fotografici nazionali, vuole avvicinare gli appassionati di questa disciplina alla storia della grande invenzione.

Perché seguire un seminario sulla storia della Fotografia? Per capire cosa – di nuovo – si può esprimere con le immagini, è fondamentale sapere dove la Fotografia è arrivata sino ad oggi. Conoscere la tecnica è importante ma è necessario – anche se si è solo ‘amatori’ – essere consapevoli di cosa è già stato inventato, di quali soggetti, esperimenti, intrecci i fotografi si sono già occupati in più di 170 anni di storia. Uno spunto per capire che strada potremmo percorrere o approfondire, per orientarci e per rendere personale la nostra ricerca; per contrastare quell’odierno bombardamento visivo che vorrebbe “uniformare” anche i nostri obiettivi!
Gli incontri saranno inoltre un momento per conoscere l’opera dei più grandi fotografi, le loro personalità, vedere e analizzare molte di quelle immagini che hanno fatto il giro del mondo, pubblicate su tante riviste e ormai passate alla storia.

Una serata sarà poi interamente dedicata alla pratica, attraverso una lezione curata, assieme a Simona Guerra, dal fotografo ed esperto Massimo Marchini. Per meglio comprendere il lavoro dei fotografi di fine ‘800, si potrà dunque assistere alla messa in opera di stampe prodotte con antiche tecniche fotografiche. Questo momento pratico, affiancato alla visione di antichi esemplari originali e volumi, è volto a dare maggior completezza al seminario.

Verrà inoltre fornita agli intervenuti una dispensa informativa sugli autori e i temi trattati.

Incontri: 6
Date: ogni martedì, dal 28 settembre al 2 novembre
Orario: 19 – 20,30
Dove: Musinf, Via Pisacane, 84, Senigallia
Scadenza adesioni: 20 settembre
Iscrizioni: richiedere il modulo all’indirizzo info@simonaguerra.com
Per informazioni e iscrizioni: info@simonaguerra.com338.8048294

Programma:

28 sett – 1° incontro
Prima e dopo l’invenzione della fotografia
Prima dell’invenzione della fotografia: intuizioni, esperimenti, idee.
1839: la presentazione di Daguerre all’Accademia delle Scienze di Parigi.
Evoluzione storica delle tecniche fotografiche attraverso l’opera di alcuni fotografi dell’800.

5 ott – 2° incontro
Quando la fotografia non era una cosa facile
Realizzazione di esemplari con antiche tecniche di stampa fotografica.

Il molteplice impiego della fotografia nell‘800
L’atelier e il ritratto: il commercio della fotografia.
La fotografia che documenta il patrimonio artistico e il viaggio.
La fotografia come mezzo per la documentazione scientifica.
Le prime fotografie di guerra.

12 ott – 3° incontro
Il “complesso d’inferiorità” della fotografia
La fotografia non è arte! Amore e odio per la “sorella” pittura.
L’esperienza personale della fotografia: il diffondersi della fotografia amatoriale.

No, la fotografia non è la pittura!
Contestare il pittorialismo: Alfred Stieglitz, il Photo Secession e Camera Work.
La fotografia è libera: un solo mezzo, tante maniere per esprimersi.

Chiudere il diaframma e aprire la mente alla sperimentazione.
La fotografia sfocata o manipolata è impura!: nasce il gruppo F64.
Ansel Adams; Edward Weston e gli altri.

19 ott – 4° incontro
Le avanguardie artistiche e la fotografia

La realtà dei fatti attraverso un’immagine
La fotografia al servizio della società: la Farm Security Administration.
Il fotogiornalismo e la guerra attraverso le immagini dei grandi reporter.

26 ott – 5° incontro
Tre libri (e tre storie) importanti per l’Italia:
Robert Frank “The Americans”, William Klein “Roma”; Paul Strand “Un paese”.

Finisce la guerra
La fotografia in occidente dopo il secondo conflitto bellico.

E gli italiani?
Sguardo generale sulle vicende storiche e culturali nel dopoguerra.

2 nov – 6° incontro
“Bussola” contro “Gondola”?
I circoli fotografici italiani e i suoi personaggi.

I marchigiani e la storia della fotografia italiana:
un contributo fondamentale.

Conclusioni e considerazioni sul corso tenuto.

Info sulla curatrice
Simona Guerra. Consulente di archivi fotografici, si occupa da più di dieci anni di catalogazione e archiviazione della fotografia collaborando con alcune tra le maggiori istituzioni italiane. Tra queste: l’archivio Fratelli Alinari e l’archivio Scala a Firenze; l’archivio fotografico dell’Antoniano, l’archivio Casa Lyda Borelli per artisti drammatici e l‘archivio Villani a Bologna).
Laureata al DAMS di Bologna ha studiato Storia della fotografia con Italo Zannier.
Nel 2000 ha lavorato al primo riordino dell’archivio Mario Giacomelli e alla sua retrospettiva poi tenutasi a Palazzo delle Esposizioni a Roma. Ha pubblicato tra l’altro “Mario Giacomelli. La mia vita intera” Ed. Mondadori. Dal gennaio 2009 tiene la rubrica mensile “Fotologie in Archivio” sulla rivista Fotologie.it.
Info: www.simonaguerra.com

Stampa, converti e condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
  • MySpace
  • Diggita
  • oknotizie

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento