header photo
ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

La Venere di Tiziano ritorna ad Urbino

Tiziano-Venere Urbino A quasi cinque secoli dalla committenza di Guidobaldo II Della Rovere, per la prima volta la Venere di Urbino, dipinta da Tiziano nel 1538 e custodita oggi nelle Galleria degli Uffizi, torna nella città marchigiana.

Commissionata al maestro allo scadere del quarto decennio del Cinquecento dal duca Guidobaldo della Rovere, duca di Camerino e futuro signore di Urbino e del Montefeltro, la sensuale e misteriosa donna nuda fu vista da un ammirato Giorgio Vasari nel guardaroba dei duchi nel 1548 e, dopo un passaggio all’Imperiale di Pesaro dove il capolavoro risultava presente nell’inventario del 1624, giunse a Firenze con l’ultima discendente della dinastia della Rovere, Vittoria, che nel 1637 sposò Ferdinando II de’ Medici.

Già nel 1654-55 la celebre Venere si trovava esposta nella villa di Poggio Imperiale, residenza suburbana di Vittoria della Rovere, e nel 1736 figurava nel patrimonio della Galleria degli Uffizi. Oltre che nella sede museale fiorentina, negli ultimi 13 anni il grande dipinto su tela è stato ammirato anche nel Museo del Prado di Madrid, nel Palais des Beaus Arts di Bruxelles, nella National Gallery of Western Art di Tokyo e nel Palazzo Ducale di Venezia: ma non era mai tornato a Urbino, dove quasi mezzo millennio fa iniziò la sua storia.

info:

Dal 06/09/2016 Al 18/12/2016

Galleria Nazionale delle Marche – Palazzo Ducale di Urbino

Lunedì: 8.30 – 14.00 (chiusura biglietteria ore 12.30) Da martedì a domenica: 8.30 – 19.15 (chiusura biglietteria ore 18.00)

Intero: Euro 6,50 Ridotto: Euro 4,00

dm

Stampa, converti e condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
  • MySpace
  • Diggita
  • oknotizie

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento