header photo
ingrandisci il testo rimpicciolisci il testo testo normale feed RSS Feed

Pianello Vallesina: Mostra di Nazareno Rocchetti

Sono le opere di NAZARENO ROCCHETTI a calcare la scena della meravigliosa  Villa Salvati di Pianello Vallesina a Monteroberto.

L’artista marchigiano, protagonista di questa edizione, ha confermato la  sua presenza alla cerimonia di inaugurazione e alla tavola rotonda che si svolgeranno venerdì 14 luglio 2017 alle 18.30 presso il piano nobile e alle quali seguirà la preview della mostra “Esperienze di Paesaggio”.

Nazareno Rocchetti

Il presidente della Fondazione Serafino Salvati, Avv. Gabriele Marasca, presenterà la mostra ma sarà poi la Prof. Lucia Cataldo, docente di Museologia e Storia dell’Arte nelle Accademie di Belle Arti dì Macerata e di Firenze, che ci introdurrà al percorso creativo dell’artista.

Nazareno Rocchetti nasce a Filottrano (AN) il 6 Gennaio 1947. Fisioterapista della Nazionale Italiana di Atletica Leggera. Tra gli atleti più noti seguiti figurano personaggi come Pietro Mennea, Sara Simeoni, Gabriella Dorio, Giovanna Trillini, Gelindo Bordin, Valentina Vezzali ecc. Da alcuni anni si dedica all’arte, dapprima con opere di scultura poi dopo l’incontro con Josè Guevara inizia anche la sua attività di “artista del fuoco” producendo numerose opere pittoriche. Ha partecipato a mostre collettive nel Comune di Treia ed a San Costanzo di Pesaro in occasione del Sipario d’Estate. Le sue opere sono esposte nei seguenti musei: museo dell’Etichetta Cupramontana (AN), museo della Modernità Filottrano (AN), museo Beato Sante Mombaroccio (PU), Pinacoteca d’Arte dei Frati Minori Falconara (AN), Pinacoteca Pieve Torina (MC), museo Arte Sacra Serrapretona (MC), Parco pubblico Fontescodella Macerata, Piazza Cerasa Mondolfo (PU), Parco delle Pietre Vive Cingoli (MC), la sede del Centro Sportivo Universitario di Torino. Da grande conoscitore delle masse muscolari ha trasferito la sua manualità nella manipolazione dell’argilla ottenendo risultati eccellenti e ricevendo ampi riconoscimenti.

Armando Ginesi, il critico d’arte, così ne parla: “pensa, agisce, scolpisce e dipinge con una vitalità che assomiglia a quella di un ciclone” ed è così che nascono le meravigliose sculture disseminate nel territorio marchigiano come il “Cristo delle Marche” a casa Bonfiglio, il monumento al Maresciallo Piermanni a Civitanova Marche, la “Cicala e la Formica” a Pievetorina, il “Cristo e il Lupo” a Cantalupo e tante altre ancora. Attualmente opera e vive a Cingoli.

L’evento organizzato dalla Fondazione Serafino Salvati, col patrocinio del Comune di Monteroberto si avvale della collaborazione dell’Associazione Milleluci, della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e dell’Associazione Amici del Verdicchio di Jesi che offriranno una degustazione di vini al termine della serata.

La mostra dal titolo “Esperienze di Paesaggio” resterà aperta al pubblico fino al 06 agosto 2017 nei giorni di venerdì, sabato e domenica dalle ore 17.00 alle ore 20.00. Durante la tradizionale Festa della Trebbiatura di Pianello Vallesina la mostra rimarrà aperta fino alle ore 24.00.

Stampa, converti e condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Twitter
  • Wikio IT
  • MySpace
  • Diggita
  • oknotizie

Nessun Commento »

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


Vuoi essere il primo a lasciare un commento per questo articolo? Utilizza il modulo sotto..

Lascia un commento